Questo post è dedicato a lui! Ad uno degli elementi che caratterizza stanze e corridoi con colori, forme e materiali diversi. Di cosa sto parlando? Del pavimento che ricopre le nostre amate “case di una volta”, quelli composti da cementine, marmette in graniglia di marmo e parquet.

Oggi inizierò a parlarti delle cementine.

Leggi fino alla fine, ti darò qualche info sulla loro storia,  ti consiglierò come recuperare questi bellissimi pavimenti e nel prossimo post ti aiuterò a non sbagliare abbinamento con altre tipologie di pavimenti in caso di ristrutturazione.

Le cementine sono nate nell’800, di facile e veloce produzione vennero usate per rivestire i pavimenti dei palazzi storici che in quegli anni venivano costruiti numerosi nelle nostre città.

Sono dette anche pastine (perchè fatte in pasta di cemento e sabbia) e hanno lo strato superficiale di pochi millimetri composto da un’impasto nel quale c’è ossido di ferro rosso, nero o naturale (ossia la pastina). Questi colori corrispondono al colore che poi è tipico di questi rivestimenti, quindi rosso, nero oppure color cemento naturale.

La loro forma tipica è esagonale o rettangolare, venivano posate una alla volta e trattate con olio di lino per renderle impermeabili all’acqua e antimacchia.

immagini: 1-2 picsilli, 3 pietra antica,4  romano pavimenti

 

Se la tua #vintagemodernhome ha dei pavimenti come quelli che ti ho descritto ma sono rovinati dal tempo , non preoccuparti, puoi comunque trovare una soluzione per recuperarli oppure puoi accostare al pavimento esistente materiali che lo valorizzano ancora di più.

immagini: Elle Decoration UK

In caso di RECUPERO è bene NON levigare le cementine perchè, come ti spiegavo sopra, hanno uno strato molto fine di colore superficiale che con la levigatura verrebbe graffiato. Se il pavimento è macchiato o rovinato meglio recuperarlo con prodotti specifici, oli e cere naturali (rivolgendosi a professionisti del settore).

immagini: Street Home

Se stai ristrutturando casa potrebbe presentarsi anche la necessità di togliere le cementine e riposizionarle (ad esempio nel caso in cui tu debba rifare gli impianti oppure rifare la porzione di pavimento che si trova sotto le cementine) . La demolizione del pavimento può comportare la rottura di alcuni singoli pezzi, ma non preoccuparti, è possibile integrarli con pezzi di recupero da altri interventi.

Le imprese che si prendono cura di pavimenti come i tuoi, conservano i pezzi di scarto di altre ristrutturazioni, oppure puoi rivolgerti a chi recupera questi materiali e li rivende anche online.

immagini: Street Home

Diverso il caso in cui, per scelta oppure per altre necessità, ti trovi costretta a scegliere un pavimento nuovo da accostare alle tue bellissime cementine recuperate.

Come fare? te lo spiego nel prossimo post!

Intanto se vuoi, raccontami quali interventi hai fatto ai pavimenti di casa tua, li hai ricoperti? sostituiti? E quali difficoltà hai riscontrato?

 

 

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi